31.7.07

From Disco (Drive) Per Disco (Amari) To Disco (Spray)

…and we’re not from Barcelona…

Circa un mese fa davo per scontato il fatto che sabato 28 luglio sarei rientrato in parrocchia. Fu lei (o forse lui) che ai tempi del singolone degli I’m From Barcelona ebbe a coniare questa gustosa similitudine. Oratorio sweeter, buoni sentimenti, palloncini colorati e il mondo chiuso fuori dalla porta. Per alcuni un inferno pre-dentistico, per me un pericoloso assecondatore delle mie tendenze schizofreniche da cinico twee. In questi mesi però io ho peccato, di sintetizzatore e di assenza di zuccheri ostentati. Quale migliore occasione allora di redimere la mia povera anima catto-twee nella moltiplicazione esponenziale del fenomeno, ovvero la gita al mare della parrocchia. Immaginavo già scenari degni di un bagno di mezzanotte ripreso da Pupi Avati e il Carlo Delle Piane (c’ho pure un’età) che bisbiglia dentro di me già fremeva. Tempestiva come una tentazione del maligno arrivava però la notizia del contemporaneo dj-set di Michael Mayer in un lido quasi sotto casa. Mi dibattevo nel dilemma. Da un punto di vista razionale sembrava non esserci storia: Michael Mayer fondatore della Kompakt, l’etichetta della techno coi pois multicolore, nell’anno del ritorno ai fasti passati. L’etichetta del mio disco dell’anno, svedese anch’esso. Le due cose poi se la giocavano anche dal punto di vista meno razionale: melodie, simpatia, divertimento e insofferenza per il purismo rendevano meno distante la serata techno da quella in spiaggia con la parrocchia svedese. Eppure, in barba a ogni convinzione storiografica o a ogni considerazione su ciò che è importante per me oggi, non avevo cambiato idea. Poi a poco a poco la carovana con cui dovevo arrivare ha cominciato a farsi indietro. Finché anche l’ultima voce ha detto “senti, non so se ne valga la pena / mi interessa / ci voglio andare”. Non so se fosse quello il segno che aspettavo. Come un riflesso incondizionato mi è uscito un ‘vabbé allora vado a ballare da Michael Mayer’.

Bambina guarda Disco Drive


Di riflesso, rimanendo a Bari, nella stessa serata partiva il Giovinazzo Rock Festival con Disco Drive e Amari oltre a due gruppi del luogo. Chi mi legge li avrà probabilmente visti cento volte, ma per me e per molti del luogo era la prima e quindi la curiosità era bastevole a bilanciare la mia paranoia della serata: non mi faranno entrare per un qualche motivo al djset dall’altra parte della provincia. La solidità intra-pezzo dei Disco Drive è stata minata solo da problemi tecnici alla strumentazione: più dritto-punk che rotondo-funk e con qualche pezzo nuovo tra cui la cavalcata conclusiva di What Are You Talking About And Why Are You Talking About It?, sono da riprovare in un contesto più raccolto e incline al ballo. Poi gli Amari. Gli Amari sono gli Amari, punto. Se prendi un campione di tre persone, il primo li vorrebbe schiaffeggiare, il secondo vorrebbe essere uno di loro e il terzo vorrebbe essere uno di loro per schiaffeggiarsi meglio. Due pezzi nuovi, il secondo dei quali chiuso con l’innesto di From Disco To Disco e la sparata di lustrini, la controversa cover degli Smiths e le magliette gangsta-baby. Avevamo preventivato un abbandono per mezzanotte e mezza e invece rimaniamo per la suggestiva rilettura post-rock di Whale Grotto e per chiamare il “Tre-no, tre-no” prima di andarcene. E il treno arriva, andante in cassa come l’indimenticabile remix cazzone e poi ibridato con i New Order e poi in Yeah con l’ausilio pestante dei Disco Drive. Su Love Management tagliamo la corda mentre il festival proseguirà al chiuso coi dj set di Gae/Stereo4 e degli stessi Disco Amari Drive.

Amari Smoking Machine


Sono le due e mezza e sulla complanare c’è un traffico da ora di punta. Sono le tre meno venti e non c’è fila per il parcheggio. Sono le tre meno un quarto e c’è fila per la selezione all’ingresso. Se fossi andato in parrocchia, sarei già a letto, ma non ho sonno. Sono le tre e c’è la fila dei biglietti con riduzione rigorosamente svanita alla cassa. Sono le tre e dieci e non c’è quasi fila all’ultima fila. Sono le tre e un quarto ed entriamo in corrispondenza del primo pezzo di Michael Mayer. Il posto non è stracolmo e nemmeno enorme, ma questo può anche essere un bene. Tralasciando le considerazioni di estetica per il quale rimando alla futura galleria fotografica qui in pieno stile londinese-milanese, mi concentro sul lato tecnico. I minimal-puristi solitamente lo attaccano per il suo comportamento da selezionatore alla maniera dei dj indirocche: tracce suonate quasi per intero, senza intersezioni-sovrapposizioni-uso di tool; scelta di pezzi enfatici se non pomposi e melodie canticchiabili; passaggi effettuati con la tecnica della smoking-machine (la ‘macchina spara-fumo’ che stava anche sul palco di Disco Drive e Amari), ovvero effettoni di riverbero e distorsione incasinanti dal quale far nascere la cassa del pezzo successivo. In realtà Mayer passa la prima mezz’ora del suo set fino all’arrivo del primo cocktail cercando il mix in battuta e cannandolo con conseguenze fastidiose all’orecchio. Fortunatamente l’incremento di tasso alcolico lo sposta sull’espediente, che a lungo andare però attira sbuffi anche da parte mia.

Michael Mayer


Ci si concentra allora sui pezzi. La prima metà è kompakta di tondini e buoni bassi ma, tranne qualche spruzzata ai limiti della disco, l’andamento è piano e composto fino al primo dei due picchi. Beautiful Life di Gui Boratto sgorga dal solito geyser eterea e la sua costruzione continua provoca l’unico momento da concerto rock: la We Are Your Friends del popolo techno 2007 aspetta solo di arrivare nei club indie italiani del prossimo inverno (da mixare rigorosamente con gli LCD Soundsystem di All My Friends). Gente che salta, gente abbracciata, altre braccia al cielo, forse l’unico momento coinvolgente in maniera pop che giustifica la fuga dalla parrocchia su un piano scevro da ogni razionalità. Quasi da pelle d’oca se non fosse per l’umidità circostante. La seconda parte della serata sembra come un prisma che scompone le influenze del suono di Colonia: a una sezione deep ne segue una vagamente più cattiva fino a riprendere le fila della prima parte prima del gran finale mentre la luce del sole sorge e comincia a sollevarsi. Il pre-finale è annunciato dall’immancabile remix di Carl Craig di Don’t Give It Up, visto per la prima volta in azione dal vivo. Ora, la struttura di quel pezzo è un’architettura diabolica che sta diventando la croce e delizia di ogni dj: non puoi fare a meno della tensione incrementale della prima parte, non puoi fare a meno della seconda parte con l’eco del cantato e i sintetizzatori ruggenti e in mezzo la musica se ne va, per una manciata di interminabili secondi. Senti, non so se ne valga la pena / mi interessa / ci voglio andare. Tutti guardano il dj e lui deve fare qualcosa. Michael Mayer che è uno con la faccia simpatica congiunge i palmi delle mani li ruota a novanta gradi e appoggia la guancia e poi fa il gesto di “andatevene, orsù, è finita anche questa parrocchia al contrario”. La cassa riparte scheletrica da quella manciata di secondi e poi attira su di sé gli elementi che canticchi anche sul pezzo successivo. Mi aspettavo sfraceli dopo. Invece si mantiene per altri due vinili a basso profilo fino alla chiusura con due minuti buoni di smoking machine raccogli applausi. La gente chiama ‘altri quattro pezzi’ (si sa, è un dj set, mica un concerto), ma niente The Art Of Letting Go dal nuovo Supermayer, nessuna sbracata ultra-pop, nessuna Bessoniana Lovefood da fischiettare sulla macchina impestata dalla resina degli alberi del parcheggio fantasticando di amanti killer. Non ci ha nemmeno guidato verso la spiaggia come in un trito finale in stile Nouvelle Vague. Anche perché, alle sei e mezza, il proprietario del lido gli ha fatto il gesto taglia-testa del dito che attraversa orizzontalmente il collo.

Mayer Smoking Machine


Out Of Sound (Dariellandia Remix) - Disco Drive
CGST (Don't Jump Back In Flanger maxcar edit) - Amari vs Madonna Lu Cont
Beautiful Life - Gui Boratto

26.7.07

Ci aveva la zita al CEP

Da mezz’ora un unico interrogativo occupa le mie meningi: ma due anni fa perché Ewan Pearson intitolò questa luccicante cavalcata discopop a una ragazza di Bari?

Shiver (Ewan Pearson's Bari Girl Remix) - Silver City


20.7.07

La vita è una spiaggia su Marte, ma a volte va bene anche una spiaggia sulla costa occidentale svedese

Nel flusso ininterrotto di ascolti di quest’anno ho apprezzato inconsciamente gli Studio sin dalla primavera. Ora che però è arrivata la stagione estiva bisogna mettere colore su bianco. Ultimamente avrete probabilmente sentito il loro remake dell’ultimo singolo degli Shout Out Louds da Polaroid. Nelle prossime settimane sentirete un simile trattamento riservato ai Love Is All. Eggià, perché gli Studio sono svedesi, come gli amati Air France (che esca presto qualcosa!) e The Tough Alliance e con loro condividono una fascinazione per le sonorità con la sabbia addosso. Gli Studio però si propongono come i fratelli maggiori della triade: come gli altri portano avanti un discorso di contaminazione pop anti-filologica, ma, non abdicando alla retro-nostalgia dei primi o alla cazzonagine dei secondi, viene quasi da prenderli sul serio.

Robert Smith abbronzato ai Caraibi con i capelli abbassati da salsedine dub. Madchester che ad Agosto tira giù la saracinesca e si trasferisce con i suoi lunedì felici a Ibiza. I krautrocker tedeschi in vacanza in riviera, che non dimenticano di portare con loro E2-E4 insieme ai sandali con le calze bianche. Potrebbe essere il semplice gusto degli opposti e invece sembra come quando in spiaggia si parla di musica e di riflesso persino i Bauhaus avrebbero il sole nella loro testa. E pezzi pop come bibite fresche e lunghe suite silenziose come nuotate al largo. In fondo, non lo direste mai, anche gli svedesi hanno le spiagge e vanno al mare d’estate.

Origin (Shake You Down By The River) - Studio
Out There - Studio



19.7.07

Il quarto d'ora enigmistico

Volevo fare un post stile 'Il bersaglio' della Settimana Enigmistica mettendo in fila:

di Kylie Minogue - Stars, da Stars And Music Session dei Chikita Violenta War, da In Our Bedroom After The War degli Stars Take Me To The Riot fino a The Riot di Dusty Kid.

Poi però mi sono accorto che la programmata manciata di canzoni non si schiodava dalla sufficienza della loro eccessiva programmaticità.

11.7.07

Piramidone rules the nation

Domani anche gli italiani avranno la loro tappa dello spettacolone dei robottoni. Noi impossibilitati ricordiamo ancora quella notte nel paesino più sperduto del Portogallo. Non mi lancerò qui in discorsi di volpe et uva (‘deve restare un’esperienza unica’ and so on) e quindi vi invidierò tutti. Ma soprattutto lui e le sue foto delle piramide dei Daft Punk dall’interno.

6.7.07

Marimba de Luna

Dovevo capirlo a Gennaio a Londra quando in ben due bar di Nothing Hill avevo notato dei tizi con lo strumento davanti. La marimba è lo strumento dell'estate 2007.

(oggi è proprio il giorno di ascolti da spiaggia: il nuovo Caribou, il nuovo The Tough Alliance, il nuovo Animal Collective)

5.7.07

E se nasce un bambino poi, lo chiameremo Remix

Da queste parti si racconta da ormai un anno l’influenza positiva per la musica da ballo della riscoperta delle radici americane di techno e house accanto e non necessariamente insieme ad altri fattori (tz, sembro uno di quegli indie-blogger fissati coll’indie americano anni Novanta). In fondo il lato più technologico è affascinante per tutte le pippe tedesche sull’uomo macchina o sulla macchina e basta, ma la sua esasperazione aggiunta al fatto che non sono solito utilizzare anestetici per ccvallihh si traduce in una sensazione di aridità davanti a gran parte della scena cliccante-percussiva. Datemi un basso, datemi una distorsione, datemi una melodia o almeno la psichedelia (e meno male che ora in giro si trovano e a pacchi). Altrimenti finisco per sbraitare come nonno Iggy, anche se penso l’esatto contrario di quello che sputacchia lui davanti alla telecamera.



Detroit, Chicago, New York. Se ti fai chiamare con il nome della collaborazione tra Nicky Siano e Arthur Russell anche se sei nato e cresciuto in Svezia, forse c’è un motivo e quel motivo è quel triangolo, spostato di qualche lustro indietro nel tempo. Il Safari di Tiger Stripes nasce così dall’amore per garage, house e techno: Mikael sta sulla jeep e osserva gli archi come gazzelle correre. Quando va bene, perché quando va così così invece la sensazione è quella dolceamara degli zoo safari, quella di una maestosità passata e ormai spelacchiata, anestetizzata più dalla pallida iterazione che dalla ketamina. Da Cesare a Kimba. Con la piccola differenza che il giovane che non inventa sembra spelacchiato anche se un suo pezzo è un leone, mentre il vecchio (per esempio il Carl Craig di uno qualsiasi dei remix dell’ultimo anno) ruggisce ancora di continuo. La tentazione di un ascolto comunque benevolo c’è e però gliela si nega: nel disco c’è un pezzo, in collaborazione con un certo mister Kerri Chandler, che si chiama Song For Edit. In un mondo con un po’ di giustizia un dj che chiama sua figlia Edit dovrebbe essere segnalato al Telefono Azzurro. Ma nessuno purtroppo sfotterà mai quella bambina per un’acca in meno.



Spirited Away - Tiger Stripes
What Was - Tiger Stripes
Song For Edit (feat Kerri Chandler) - Tiger Stripes
Don’t Give It Up (Carl Craig Dub) - Siobhan ‘Sugarbabe’ Donaghy

3.7.07

The Organ

Una delle cose che non sopportavo della corrente fino a poco tempo fa dominante nella techno, ovvero quella minimale che risponde al nome di click-house, era il suo odio quasi antisessuale verso le linee di basso. Per fortuna negli ultimi tempi un po’ tutti stanno recuperando la gamma di frequenze a bassi hertz, con inventiva variabile secondo i casi. C’è chi prende in prestito le distorsioni dall’electro fracassona, chi tira fuori il funk dai riflessi di medie e alte frequenze, chi si affida all’arrotondamento delle profondità e chi continua nel percorso di ripescaggio delle italiche linee sintetiche. “I get goose-bumps when the bass-line thumps”, dice Ewan Pearson in testa alla sua pagina di entusiasmo e proprio dalla sua pagina prendiamo in prestito la sua attuale numero uno. Si fa un grosso parlare di revival dei Novanta e nei Novanta diversi pezzi utilizzavano al posto del basso un organo: Jaydee, Nightcrawlers, Robyn S e si potrebbe continuare, facendo magari qualche nome meno da classifica. Filippo ‘Naughty’ Moscatello rispolvera l’organo nella prima metà del suo World Ep per una ballata malinconica che danza sotto il peso dei ricordi. Forse non da pelle d’oca, ma magari la brezza sulla spiaggia alle quattro di mattina potrebbe aiutare.


World Of A Woman - Naughty