5.11.07

Tell me I belong

Altri vi spiegheranno il nuovo disco di Burial. Magari ve lo faranno amare. Io mi sento in dovere di segnalarvi Archangel. Archangel è una canzone d’amore e il suo testo dice più o meno “Mentre ti amo, mentre ti bacio, dimmi che ti appartengo”. A leggerlo viene da ridere, ma mentre senti scorrere i brividi lungo la schiena ti chiedi dove sia il trucco. Forse sta nei contrasti, nella tenerezza che sgorga su un beat che fugge, nelle luci e nei riflessi mentre intorno è buio, nelle alte frequenze nitide della voce mentre il resto del mondo è sepolto sotto l’asfalto. Secondo me invece è per via di quella voce. Stirata e compressa, velocizzata e in moviola, alta e bassa, secca e riverberata. Quella voce è insieme uomo e donna, bianca e nera, triste e felice, innamorata e abbandonata. Burial osserva la città che si ama dalla prospettiva dell’escluso e la racconta nella maniera più commovente per me, ovvero girando delle manopole.

Archangel - Burial



11 commenti:

la_scarpa_che_respira ha detto...

a batteria 'nnamurata...:)

ma almeno Tu sai dire chi si nasconde dietro l'inquietante pseudonimo?

a. ha detto...

grandissimo pezzo. vorrei tutto il disco fosse così. ma non lo è.

maxcar ha detto...

@lscr: Burial? te lo dico solo se mi dici chi è Redshape

@a: non mi straccio le vesti come non me le strappai per il primo (più che altro problemi miei col dubstep). però mi piace molto il lavoro sulle voci e certi archi che amo da altri contesti

maxcar ha detto...

visti i problemi di fileden, ho messo momentaneamente il file su uploadingit

atroC.T.X.Z.B.tion ha detto...

io invece le vesti me le sto strappando da due giorni. secondo me rischia seriamente di essere meglio del primo e in effetti archangel è la vetta del disco. un appunto, nel caso di burial non parlerei di dubstep. in effetti ci è finito dentro abbastanza per caso per via del fatto che esce per l'etichetta di kode9, però non lo definirei dubstep (perchè non ha i bassi e il dubstep è una roba di bassi). questo disco qua, ancora più dell'altro, è decisamente sbilanciato su quello che faceva questo tipo qua http://www.discogs.com/artist/El-B
Un discreto fenomeno, che infatti Burial nella sua credo unica intervista citava come influenza primaria e sentendo come suona non si può dargli torto. La Tempa sta preparando una compilation tributo intitolata The roots of El-B, perchè molta roba sua è andata persa col logorarsi dei dubplate. Comunque direi che è una specie di garage, roba che comunque andava qualche anno fa ma che evidentemente ha ancora molto da dire.

maxcar ha detto...

gli darò tempo, certo, forse anche più che al primo (in prima battuta ristretto a distant lights e southern comfort, poi diventato uno dei dischi da viaggi in pullman notturni tra bari e palermo). avevo letto le sue interviste (ce ne sono di recenti per Fact Magazine e per il Guardian, quest'ultima fatta 'di persona') e sapevo della passione per EL-B e per tanto altro (dall'ovvia d'n'b al mondo dei rave). certo si dice dubstep più per comodità. dai primi ascolti mi è molto cara anche Raver

molta più difficoltà nell'ascolto del nuovo boxcutter. mi ricordo solo di bloscid

atroC.T.X.Z.B.tion ha detto...

Boxcutter l'ho saltato, però vado adesso a ritirare la compilation 200 della PLanet Mu, che dalla tracklist sembra promettere piogge acide. cazzo, quelle interviste a Burial le avevo lette anch'io, chissà perchè mi ricordavo solo quella di Blackdown. Comunque grazie a quelle interviste sono andato a pescare delle perle clamorose di dnb, tipo seba & paradox, i foul play di steve gurley, dei veri e propri prodigi di batterismo. speriamo ne rilasci molte altre.
Ah, tra le cose che sto per fare adesso citerei anch Vladislav Delay live in piazza vittorio alle 6 del pomeriggio, così impari a vantarti dei Pan Pot mentre io sono di fronte a Mixo seminudo (immagine incancellabile, non immagini neanche lontanamente). ciao! s

maxcar ha detto...

ma scusa, con tutto il rispetto per le chiappette di Mixo, perché lo hai preferito a Loco Dice o a Derrick May?

forse perché avevi in mente la mise di Italia Wave?

O Delay a Barcellona nella sua veste di Luomo fu di un palloso urticante

atroC.T.X.Z.B.tion ha detto...

la mise era esattamente quella, solo che stavolta si è dimenticato i pantaloni. purtroppo essendo venuto a mancare dj enzo sono rimasto senza soci per andare a ballare la techno, e non ero ancora pronto al grande passo che hai fatto tu andando a ballare da solo. comunque ieri sera è stato molto figo. certo gli ettolitri di birra gratis gentilmente offerti dal sindaco hanno giocato una parte importante, ma anche Delay non si è risparmiato. Certo c'era poco da ballare, ma la location era suggestiva e il suo dub del futuro anche. Solo che avrebbero dovuto sparpagliare casse in giro per tutta la piazza invece che solo sul palco, però così ne usciva un po' bidimensionalizzato. però per principio quando è gratis non critico. ciao.s

KRBRSzero ha detto...

Esattamente come dici tu.
Innamorato ed abbandonato.

Mi ricorda il periodo piu' felice e insieme piu' nero dell'anno scorso.
Di un amore unilaterale.

Casualità quella della scelta della canzone quella volta.
Casualità la mia ricerca e la tua analisi.


A volte mi chiedo se a tutti capitano le stesse cose o se è tutto davvero casuale.


mah.



intanto il robot sul DDR è magnifico.

Anonimo ha detto...

ma..la traduzione/significato di archangel..
qualcuno riesce a procurarmela?